Identità, memoria e acculturazione: le statue stele della Lunigiana.

Luca Secchi, Università di Genova, et Paolo Persano, Università degli Studi di Siena

Identità, memoria e acculturazione: le statue stele della Lunigiana.

RESUME : Il fenomeno delle statue stele lunigianesi, il cui numero ammonta a quasi ottanta esemplari, è localizzato in una ristretta zona di confine geomorfologicamente ben definita tra le attuali Liguria e Toscana, in corrispondenza del bacino idrografico del fiume Magra e dei suoi affluenti Taverone e Aulella. La tipologia della classe si deve ad Augusto C. Ambrosi, che ne ha proposto una distinzione in tre gruppi (A-B-C): i primi due (A-B) vengono datati all’età del Rame / Bronzo antico. Il gruppo C è costituito da esemplari più antichi riutilizzati e da statue stele create ex novo: si connota per la presenza di armi tipologicamente inquadrabili nell’età del Ferro e per l’adozione di specifici schemi iconografici. A differenza dei gruppi precedenti, quest’ultimo è caratterizzato, tranne un caso, da figure maschili armate. Se i pezzi più antichi si inseriscono in un ampio contesto di respiro europeo, le stele dell’età del Ferro mostrano peculiarità tali da dover essere considerate in maniera autonoma. Essendo la Lunigiana “regione cerniera” tra l’Etruria e le realtà liguri, questi monumenti rappresentano un caso di studio privilegiato per la circolazione dei modelli ideologici.

Oggetto della presente comunicazione è una rassegna delle statue stele del gruppo C e dei fenomeni di acculturazione legati alla loro genesi. Partendo da recenti studi e proposte di contestualizzazione da parte di A. Maggiani, E. Giannichedda e S. Paltineri si metteranno a fuoco in particolare tre aspetti: identità, memoria e acculturazione. Si cercherà di definire se nel riuso delle stele più antiche e nella realizzazione delle più recenti influirono o meno motivazioni legate alla ricerca o alla creazione di un’identità comune, anche in relazione alla storia di questo territorio. In quale modo viene manipolata la “memoria” delle precedenti statue stele? Il quadro complessivo in cui si vuole interpretare il fenomeno è legato all’etruschizzazione dell’area: convenzioni iconografiche e scelte formali sembrano trovare riscontri con il confinante mondo etrusco, da cui vengono ripresi la volontà di realizzare statuaria a tutto tondo e il modello di stele. L’uso della scrittura riscontrato in alcuni esemplari è un altro elemento a sostegno di tale connessione.  Fermo restando il problema fondamentale della decontestualizzazione delle statue stele, si cercherà attraverso l’analisi del complesso di materiali di affrontare questi problemi.

Raphaël Golosetti

Professeur contractuel Université de Lille 3

More Posts

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *